Calendario 2017

 15,00

Acquista il calendario, sostieni la nostra indipendenza.
12 mesi di meraviglie del Pianeta che rischiano di non avere futuro.

Come gli orsi bianchi, il cui habitat, l’Artico, si sta sciogliendo. O le balene, minacciate da una caccia insensata. Ci sono le foreste degli orango, devastate dagli incendi. E piccole isole che potrebbero scomparire per l’innalzamento dei mari.

Un giro del mondo in 365 giorni che evidenzia la fragilità del Pianeta e ci ricorda come l’uomo ne abbia responsabilità, ora e per le generazioni future.

Il Calendario 2017 di Greenpeace è stampato con inchiostri vegetali su carta 100% riciclata.

Con l’acquisto minimo di 3 calendari in un unico ordine, le spese di spedizione sono gratuite.

Disponibile

COD: CAL2017

Descrizione

  • Calendario da parete anno 2017
  • Stampato con inchiostri vegetali
  • Carta 100% riciclata
  • Imballo esterno in Mater-bi
  • Formato aperto 61 cm x 38 cm – formato chiuso 30,5 cm x 38 cm
  • 12 mesi con planner annuale
  • 12 fotografie (1 per mese)
  • In ogni pagina mese precedente e successivo
  • In ogni pagina due pillole sulla storia dei protagonisti e delle navi di Greenpeace
  • Spazio per note e appunti
  • Principali festività italiane, giornate mondiali e anniversari
  • Testi in lingua italiana

Modalità di pagamento

Paga online tramite servizio Paypal (con carta di credito, carta prepagata o account Paypal)

Spedizione

Utilizziamo il servizio di consegna standard, con i seguenti tempi e costi:

  • tempo stimato di consegna 2-3 giorni lavorativi *
  • costo di spedizione 7€

Con l’acquisto minimo di 3 calendari in un unico ordine, le spese di spedizione sono gratuite.
Consegne solo su territorio italiano.
(*) le spedizioni verranno effettuate a partire dal giorno 03/11/2016

Greenpeace è una organizzazione globale indipendente che sviluppa campagne e agisce per cambiare opinioni e comportamenti, preservare l’ambiente e promuovere la pace. Operativa in più di 55 Paesi, Greenpeace si ispira ai principi della nonviolenza. Per mantenere la sua indipendenza, non accetta fondi da governi, aziende o istituzioni, ma si finanzia esclusivamente con il contributo di singoli cittadini.